A wonder coming from Thailand

Nymphaea ‘Wanvisa’

'Nymphaea Wanvisa'

'Nymphaea Wanvisa'

'Nymphaea Wanvisa'

'Nymphaea Wanvisa'

'Nymphaea Wanvisa'

Nymphaea ‘Wanvisa’
Approdata in Italia la scorsa primavera, deve il suo nome al giorno sacro in cui fiorì per la prima volta.
‘Wanvisa’ infatti significa:
“Wan” giorno
“Visa” Visakabucha giorno sacro e celebrativo per i buddisti in cui si commemora la nascita, l’illuminazione e la morte del Buddha.
La Nymphaea ‘Wanvisa’ ha ricevuto il “Best New Waterlily” per il 2010 dall’associazione International Waterlily & Water Gardening Society. È un riconoscimento conferito ogni anno a livello internazionale alle migliori creazioni ottenute dagli ibridatori di tutto il mondo.

Ma la ‘Wanvisa’ non è opera di ibridatore, bensì una mutazione-ibridazione spontanea scoperta dall’ibridatore tailandese Nopchai Chansilpa.
E’ una ninfea rustica straordinariamente variegata nel fiore, con sfondo arancione-salmone riccamente punteggiato di giallo crema.
Quando le aggrada produce fiori metà gialli e metà variegati suscitando grande curiosità e stupore.
Il fiore si alza dalla superficie dell’acqua come nelle ninfee tropicali, ha il portamento regale.
Le foglie sono prevalentemente bordeaux-marrone con macchie verdi.
Anche le foglie spesso si colorano per metà di verde e l’altra metà nella tinta variegata tipica.
È una pianta di grande energia, fiorisce abbondantemente e non finisce mai di sorprendere.

This entry was posted in General. Bookmark the permalink.